dicembre 2017

22/12/2017
FAKE NEWS: UNA MINACCIA PER LA SALUTE DI TUTTI – INTERROGAZIONE IN SENATO

 

COMUNICATO STAMPA DI SALUTE DONNA ONLUS

 

Fake news: una minaccia per la salute di tutti.

Interrogazione parlamentare presentata al Senato

 

 

Presentata al Senato un’interrogazione parlamentare alle Ministre della Salute e dell’Istruzione contro le fake news in campo sanitario. L’interrogazione vuole stimolare una riflessione ed una successiva azione politico-istituzionale – anche in campo scolastico – su una questione di importanza vitale, che pervade il mondo della comunicazione nella società odierna.

Leggi

22/12/2017
SANITÀ E FAKE NEWS, BISINELLA (FARE-NOI CON L’ITALIA): “GOVERNO INTERVENGA PER EVITARNE LA PROLIFERAZIONE ED INFORMARE CORRETTAMENTE”

“Le fake news in ambito sanitario rappresentano un fenomeno pericoloso, che negli ultimi anni ha assunto una dimensione imponente: diffuse soprattutto via web diventano virali in pochissimo tempo facendo danni sugli utenti. Basti pensare al caso Stamina, al metodo Hamer per la cura del cancro che demonizza la chemioterapia, o alla correlazione tra vaccini ed autismo: notizie che hanno generato effetti molto negativi, anche con sviluppi drammatici.

Ho presentato un’interrogazione alle ministre della Salute e dell’Istruzione, per capire quali misure intendano adottare per impedire la proliferazione delle fake news in campo sanitario e se la questione possa entrare a far parte dei programmi di scuola media e superiore, al fine di dotare i giovani di strumenti culturali validi per riconoscere questo tipo di notizie”. Lo afferma la senatrice di Fare-Noi con l’Italia Patrizia Bisinella.

 

Leggi

21/12/2017
FONDO AIFA PER FARMACI ORFANI: IN PARLAMENTO SI DISCUTE REVISIONE DEI CRITERI DI ACCESSO

COMUNICATO STAMPA DI SALUTE DONNA ONLUS

 

Fondo AIFA per farmaci orfani: in Parlamento si discute la revisione dei criteri di accesso

Il tempo a disposizione per i pazienti con una diagnosi di cancro spesso è più breve di quello necessario alle Istituzioni per rendere disponibile una cura rimborsata dal SSN.

Cresce continuamente, infatti, il numero delle patologie tumorali caratterizzate da specifiche alterazioni molecolari che hanno incidenze paragonabili alle malattie rare e che rispondono a terapie già disponibili nel nostro Paese ma non ancora rimborsate.

Il fondo AIFA, istituito con la Legge n. 326, risale al 2003 ma da allora, la ricerca medica ha compiuto molto progressi e oggi è necessatio che al Fondo possano accedere anche terapie indicate per forme rare di tumore, caratterizzate da alterazioni genetiche e con un’incidenza paragonabile alle malattie rare.

Leggi

20/12/2017
IL 17 GENNAIO PATRIZIA BISINELLA A RETE VENETA

Mercoledì 17 gennaio, a partire dalle 21.15, Patrizia Bisinella sarà ospite alla trasmissione “Focus” su Rete Veneta, canale 18 del digitale terrestre.

20/12/2017
TUMORI E MALATTIE RARE, BISINELLA (FARE-NOI CON L’ITALIA) INTERROGA MINISTRO SALUTE: “FONDO AGENZIA ITALIANA FARMACO POCO UTILIZZATO, SERVE MODIFICA MODALITÀ ACCESSO” 

“Esiste un fondo riferibile all’Agenzia Italiana del Farmaco creato appositamente per incrementare la produzione di farmaci orfani destinati alla cura di malattie rare in attesa della commercializzazione. Purtroppo questo fondo è scarsamente utilizzato e la legge che ne regolamenta l’accesso non tiene conto di alcune importanti scoperte nei meccanismi genetici e molecolari alla base dello sviluppo di un tumore, né della diagnostica e delle terapie oncologiche sopravvenute negli ultimi anni. Ho pertanto rivolto un’apposita interrogazione al Ministro della Salute per sapere se intenda farsi promotore presso l’Agenzia Italiana del Farmaco di una nuova interpretazione di accesso al fondo, al fine di estenderne l’impiego anche ad alcune tipologie di tumori particolarmente tipizzati da mutazioni ed alterazioni genetico molecolari”.

Leggi

05/12/2017
LUNEDI’ 11 DICEMBRE PATRIZIA BISINELLA A TELEARENA

01/12/2017
AGRICOLTURA. BISINELLA SU CERTIFICATI ANTIMAFIA: “INTERVENTO DEL GOVERNO PER SALVAGUARDIA AZIENDE”

“Potrebbe creare enormi disagi e danni agli agricoltori l’introduzione della norma che estende l’obbligo di presentare la certificazione antimafia a tutte le aziende che ricevono più di 5mila euro l’anno di contributi attraverso la domanda unica Pac: chiedo un intervento urgente del governo affinché sia fatta chiarezza immediatamente sul tema, salvaguardando le aziende ed i posti di lavoro”. Lo afferma la senatrice di Fare! Patrizia Bisinella, facendo riferimento alla modifica dei limiti entro cui scatta l’obbligo di presentare la certificazione antimafia.

Leggi