22/08/2016
BISINELLA (FARE!): “UN GRANDE PLAUSO AL CARABINIERE, MA IL LADRO E’ GIA’ LIBERO”

“Un grande plauso alla prontezza e allo spirito di servizio encomiabili dimostrati dalla donna carabiniere che con tenacia e freddezza è riuscita a bloccare e a far arrestare un delinquente in centro a Verona, dimostrazione del valore delle nostre forze dell’ordine. Ma mi chiedo: che Paese è il nostro? Cosa altro deve fare un soggetto per rimanere in carcere? Il malvivente in particolare si è sottratto a un provvedimento di allontanamento dall’Italia, ha dei precedenti, ne ha combinate di tutti i colori, e nonostante ciò non va in galera, gli viene sospesa la pena e inflitta solo una multa di 300 euro (che è dubbio pagherà). Il nostro non è un Paese normale.

​ ​Servono carcere immediato e pene esemplari da scontare per intero se si vuole dare una risposta efficace al bisogno di sicurezza dei cittadini e rendere del nostro Paese un’immagine di serietà e rigore. E serve poi il buon senso da parte dei magistrati nell’applicare le pene, com’è stato possibile in questo caso scarcerare?

​ ​E’ necessario che i criminali non pensino più che l’Italia è il Paese di Bengodi dove tutto è concesso, senza conseguenze. Chiedo con forza un intervento del governo: è l’ennesima occasione per approvare la mia proposta di legge, già in esame al Senato, che prevede pene triplicate e carcere certo senza benefici per chi commette furti e rapine”. Così Patrizia Bisinella, senatrice di Fare!. ​