03/03/2016
CEREA, AGRICOLTURA. RITARDI PAC, BISINELLA (FARE!): «AZIENDE NON RIESCONO PIÙ A PAGARE FORNITORI, SITUAZIONE DA SBLOCCARE SUBITO»

CEREA (VERONA) – «Migliaia di aziende agricole venete rischiano di chiudere se non verranno assegnati loro i contributi della Pac: molte sono esposte con le banche e non riescono a pagare i fornitori, dato che avevano acquistato i prodotti con la convinzione che i contributi pubblici dovuti sarebbero arrivati puntuali e non con un inaspettato quanto inspiegabile ritardo». Lo afferma la senatrice di “Fare!” Patrizia Bisinella unendo la sua voce a quella degli agricoltori che questo fine settimana saranno riuniti a Cerea (Verona) per la manifestazione “Cerea e la sua terra”, promossa da Azione Rurale Veneto.

«Purtroppo quella che dovrebbe essere una festa per la valorizzazione delle eccellenze locali dovrà avere anche i connotati di una manifestazione di protesta, con gli agricoltori che giustamente richiedono vengano erogati subito i contributi attesi, pena la morte delle loro aziende – prosegue Bisinella -. Lo stesso Fabrizio Stella di Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) ha sottolineato come non ci siano ancora certezze sulle tempistiche di pagamento, ma sono mesi ormai che le aziende venete si trovano in questo limbo. La gestione da parte di Agea, subentrata a Avepa nei pagamenti, si sta rivelando a dir poco dannosa.

Gli effetti della sua disorganizzazione vengono scaricati sulle aziende agricole, già in crisi per la mancanza di una tutela adeguata dei loro prodotti, dato che non vengono imposti limiti alle importazioni dall’estero, con  effetti deleteri sui prezzi e quindi sui profitti delle aziende, ormai costrette a lavorare in perdita.

Ho già chiesto in Parlamento che ci sia un intervento del Ministero per sbloccare la situazione, ma vedo che purtroppo continua a rimanere tutto inalterato. Riprenderemo ogni iniziativa utile sia a Roma che in Regione per avere doverose e immediate risposte».