16/10/2014
«Col Decreto Stadi il Governo destina oltre cento milioni a Mare Nostrum»

TREVISO – «Anche a Treviso, come in altre città venete, presto arriveranno altri clandestini, aggravando ulteriormente una situazione già insostenibile: prova ne sia il fatto che il Governo continua a finanziare Mare Nostrum, lo ha fatto anche ieri col Decreto Stadi». Lo sottolinea la senatrice della Lega Nord Patrizia Bisinella, intervenuta ieri indossando la maglietta “Stop invasione” (in foto), che annuncia la manifestazione leghista di sabato 18 ottobre a Milano, in dichiarazione di voto sulla questione di fiducia posta dal Governo appunto sul Decreto Stadi.

VAI AL VIDEO SU LAPADANIA.NET >>

«È giusto che anche a Treviso, città dove l’arrivo in massa di clandestini con Mare Nostrum ha già creato grossi problemi, sappiano cosa accade in Parlamento – prosegue Bisinella -. Col Decreto Stadi, in maniera vergognosamente subdola, nascosta, il Governo e il ministro dell’Interno, anziché occuparsi di trovare risorse per le vere emergenze che hanno i nostri concittadini, stanziano più di cento milioni a favore dell’accoglienza.  Invece di destinare soldi per gli uomini delle nostre forze dell’ordine tutti i giorni esposti a qualsiasi tipo di rischio sulla propria pelle, anche di salute, a fronte della drammatica situazione di contatto con malattie, scabbia e tubercolosi, per non parlare dell’ebola, sui cui rischi ho già presentato un’interrogazione, il Governo rifinanzia l’immigrazione clandestina.

Questo Governo, anziché avere attenzione per i propri pensionati e recuperare le risorse per la cassa integrazione ed aiutare chi fatica a tirare la terza settimana del mese, incrementa di 50,8 milioni di euro il Fondo per le politiche e i servizi dell’asilo, e ne stanzia in più altri 62,7 milioni per un altro fondo, che non si è capito a cosa servirà. È un fondo indecifrato, perché non si capiscono quali siano le sue finalità, ma è costituito da soldi che vengono recuperati dal Fondo rimpatri e dal Fondo espulsioni, propri quelli che invece servirebbero: è chiaro che questi soldi, più di 113 milioni di euro, verranno utilizzati per finanziare nuovamente Mare Nostrum. Invito i cittadini a partecipare alla nostra manifestazione di Milano per dire basta a queste scelte irresponsabili».