26/06/2014
Decreto Emilia, Bisinella: “Veneto e Lombardia dimenticati”

ROMA – “Nonostante i 21 miliardi di euro di tasse regalate a Roma ogni anno, ai veneti vittime di sisma e alluvione il governo nega ancora oggi le risorse. E così pure ai lombardi”. Lo ha detto la senatrice Patrizia Bisinella intervenendo sul cosiddetto decreto-Emilia, in corso di discussione, in seconda lettura, al Senato.

“Capiamo il disagio della popolazione d’Emilia, ferita da sisma, alluvioni e tromba d’aria, ma non è tollerabile che si agisca sempre in emergenza e che mai gli ultimi governi abbiano trattato il tema della prevenzione, soprattutto sul fronte del dissesto idrogeologico. La disparità di trattamento tra popolazioni vittime di calamità è una cosa odiosa e intollerabile”.

“Non vorremmo che dietro gli aiuti all’Emilia e i poteri conferiti al commissario e governatore Vasco Errani, si celassero sottese ragioni politiche. Di fronte a episodi di questo tipo non si devono mettere in campo disparità di trattamento, il primo pensiero deve essere l’aiuto alle popolazioni colpite, famiglie e imprese”. Bisinella ha espresso la necessità di una “strategia politica preventiva per mettere mano per tempo all’assetto del territorio e per evitare di arrivare sempre a disastri avvenuti, con spiacevoli e discriminanti scelte selettive”.