18/02/2016
FARRA DI SOLIGO. RESIDENZA AD AGGRESSORE VICINO A SUA VITTIMA, BISINELLA (FARE!): «PARADOSSO, ALTRO DOLORE PER ANZIANO»

FARRA DI SOLIGO (TREVISO) – «Non vedo che ragione ci sia di procurare altro dolore ad un anziano già profondamente segnato da una brutale rapina subita tre anni fa». Interviene sul caso di Farra di Soligo (Treviso) la senatrice di “Fare!” Patrizia Bisinella: un anziano, a quanto riporta la stampa locale, si sarebbe barricato in casa per la paura ricevuta alla notizia che un marocchino colpevole di averlo rapinato e pestato a sangue in casa sua ha chiesto la residenza nella sua stessa via, dove sconterà i domiciliari.

«Giustamente il sindaco sta tentennando e non intende concedere la residenza all’extracomunitario – afferma Bisinella -. E capisco perfettamente la paura provata dallo stesso anziano, che sembra essersi chiuso in se stesso quand’è venuto a sapere del suo nuovo “vicino di casa”. Mi sembra uno dei tanti paradossi che purtroppo si ripetono quando si parla di protagonisti di furti e rapine. L’arrivo del rapinatore nella stessa via dove nel 2012 si era reso responsabile di un fatto così grave sta creando grande preoccupazione nei residenti, molti dei quali anziani che vivono soli. Trovo la decisione del Tribunale assurda e irresponsabile, in questo modo non si tiene in considerazione la vittima del reato, e purtroppo questo accade troppo spesso nel nostro Paese, tra sistema giudiziario buonista, leggi colabrodo e continui scaricabarili di responsabilità. In questo caso il sindaco si trova solo a doversi fare carico del giusto allarme che vive la propria gente, comprensibilmente in ansia per quanto sta accadendo».