27/01/2016
GAY PRIDE A TREVISO, SEN. BISINELLA (FARE!): «NO ALLO SCONTRO POLITICO»

TREVISO  – «Si possono avere opinioni personali diverse, ci si può appellare ai propri valori ed ideali, questo è giusto, ma non sono d’accordo con strumentalizzazioni politiche e forzature, da una parte come dall’altra». Commenta così la senatrice di “Fare!” Patrizia Bisinella il dibattito scatenatosi a Treviso riguardo la concessione del patrocinio da parte del Comune al Gay Pride.

«Il sindaco Giovanni Manildo – prosegue Bisinella – ha sottolineato che non sono state ancora comunicate nel dettaglio le modalità di svolgimento della manifestazione, quindi essere già allo scontro politico sul patrocinio sembra prematuro e soprattutto rischia di creare un’enorme confusione. Al Comune di Treviso, per legge, non compete né autorizzare le manifestazioni né vietarle: le autorizzazioni alle manifestazioni vengono rilasciate dalla Questura che sola può vietarle per motivi di ordine pubblico. Io sono per la difesa della famiglia naturale e non amo gli esibizionismi, che peraltro distraggono da quello che è il senso di una manifestazione, e cioè il richiamo alla tutela dei diritti individuali, ma ho certamente spirito democratico e ricordo che la tutela della libertà di manifestazione del pensiero è sancita dalla Costituzione.

A partire da domani e per le prossime settimane affronteremo in Senato il tema delle unioni civili: noi di “Fare!” condividiamo e sosteniamo l’opinione espressa anche dai Vescovi del NordEst: diciamo sì al riconoscimento dei diritti individuali e di reciprocità per le coppie di fatto, ma altra cosa sono i diritti propri dell’istituto matrimoniale. Riteniamo che la famiglia, indispensabile cellula vitale per la nostra società, vada difesa e sostenuta, ma è giusto che altre forme di legami affettivi tra persone, anche omosessuali, vedano riconosciuti i loro diritti civili. Altra cosa il tema delle adozioni dei bambini, per noi un no assoluto a forme diverse da quelle delle famiglie costituite da una mamma e da un papà».