18/12/2014
Legge di Stabilità: «Nuovo scippo del governo al Veneto»

ROMA – “Con un blitz notturno il governo e la maggioranza hanno bocciato un emendamento della Lega Nord alla legge di Stabilita’ in cui chiedevamo di ripristinare, entro la fine dell’anno, le riduzioni sul prezzo dei carburanti alla pompa che erano gia’ riconosciute ai cittadini veneti come compensazioni territoriali per i disagi che comporta il rigassificatore di Porto Viro nella Provincia di Rovigo”. Lo scrivono in una nota congiunta i senatori veneti della Lega Nord Emanuela Munerato, Raffaela Bellot, Patrizia Bisinella, Erika Stefani e Paolo Tosato e i deputati Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Marco Marcolin ed Emanuele Prataviera.

“Il governo, tramite il vice ministro De Vincenti, si era impegnato a correggere una norma iniqua ristabilendo la possibilita’ per i cittadini veneti di beneficiare delle compensazioni da destinare nuovamente ai territori interessati da attivita’ estrattive e di rigassificazione off shore. Invece e’ arrivato l’ennesimo scippo di governo e maggioranza perpetrato nei con confronti di una regione e di un popolo che vanta un residuo fiscale di 21 miliardi di euro”.