04/02/2015
«Riflettori su Mattarella e intanto il governo depenalizza 157 reati»

TREVISO – Mentre i riflettori erano puntati sul discorso di Mattarella il governo ha gettato le basi per depenalizzare moltissimi reati. Lo ha sottolineato questa mattina la senatrice della Lega Nord Patrizia Bisinella intervenendo in diretta alla trasmissione “Buongiorno Venetouno”, dell’emittente trevigiana Radiovenetouno, condotta ad Emanuele Spironello.

«Lo denunceremo a partire da oggi in tutte le sedi – ha detto Bisinella –. Il governo, nel silenzio generale dell’attività parlamentare e coi riflettori puntati sul discorso di Mattarella, ha fatto approvare la depenalizzazione di 157 tipologie di reati, puniti fino a cinque anni di carcere, comprendendone quindi anche di gravi, come i furti, le rapine, le truffe e lo stalking ad esempio. Vengono depenalizzati, in taluni casi non si prevederà più di scontare la pena in carcere. Cosa che viene fatta passare sotto silenzio, perché si sa altrimenti che ci sarebbe la rivolta dell’opinione pubblica. È la conferma che questo governo è incapace di garantire ordine pubblico e sicurezza, e per questo motivo chiediamo che il ministro dell’interno si dimetta.

Per risolvere il problema del sovraffollamento carcerario non si pensa a mettere in atto una seria edilizia carceraria, magari riutilizzando immobili dello Stato o degli enti locali in disuso, ma si aprono semplicemente le porte delle carceri, con migliaia di persone rimesse in libertà che poi tornano a delinquere. Non si mettono in campo politiche serie di controllo delle frontiere, non vengono attuati respingimenti ed espulsioni di chi commette reati… Faremo battaglia su questo alla ripresa dei lavori parlamentari».

 

Si avvicina il voto per le regionali in Veneto: che farà la Lega?

«La Lega Nord è l’unica vera opposizione al renzismo, la gente apprezza la nostra coerenza, ci ascolta e ci sta dando ragione nei consensi. Mi auguro che nel centrodestra venga fuori uno scatto d’orgoglio e si capisca che è necessario tirare una linea e creare le basi di una vera opposizione a questo governo. C’è ancora tempo per lavorare, ma Forza Italia e Nuovo Centrodestra devono riorganizzarsi al loro interno, in modo democratico e trasparente. Ci sono ancora opportunità per condividere un programma serio, anche se a questo punto non so se alla Lega convenga andare in alleanza: sono più portata a pensare che la Lega possa andare da sola con delle civiche. La gente credo sia stanca di queste logiche partitiche e non ci si riconosca più. Noi abbiamo una posizione molto chiara e lineare, a partire da questo e da noi si può lavorare per un buon governo di area di centrodestra da contrapporre al renzismo che fa solo danni».