07/09/2016
TREVISO. CAOS PER ESENZIONE CANONE RAI, BISINELLA (FARE!): «PARADOSSALE QUANTO VISSUTO DAGLI UTENTI, L’UFFICIO APRA PER PIÙ GIORNI»

TREVISO – «A dir poco paradossale quanto sta capitando a tanti cittadini ai quali è stato addebitato il canone Rai in bolletta per utenze di immobili disabitati: dopo aver già inviato i documenti per richiedere l’esenzione, si sono trovati a dover presentare di persona la domanda di rimborso, peraltro dovendosi sottoporre a delle code interminabili». Lo afferma la senatrice di “Fare!” Patrizia Bisinella, rilevando quanto accaduto ieri a Treviso, presso lo sportello Rai all’Agenzia Entrate all’Appiani.

«Non mi stupisce che gli utenti si siano spazientiti e che si sia creato il caos allo sportello  – prosegue -. Hanno subìto l’addebito ingiustamente, si sono presi la briga di recarsi lì anche da lontano ed in molti sono stati alla fine addirittura respinti perché fuori orario causa la grandissima affluenza.

Per l’ennesima volta sono i cittadini a ritrovarsi loro malgrado a fare i conti con burocrazia e disservizi. L’ufficio è aperto solo per mezza giornata una volta al mese, è evidente che non basta. Purtroppo non si può tornare indietro e gli addebiti scorretti ci sono stati, almeno però, data la situazione, si cerchi di rendere la vita meno difficile ai cittadini con flessibilità e buon senso, dilatando l’orario dello sportello e tenendo aperto per qualche giorno in più o con un numero adeguato di addetti».